Torino

BACK TO HOME PAGE

Lunedì 24 settembre #PARTECIPARE: società, beni pubblici e nuovi metodi di partecipazione


La giornata di apertura della Social Media Week Torino lunedì 24 settembre è dedicata al cambiamento della società in conseguenza dell’uso dei nuovi media sociali. Il tema è semplice eppure complesso allo stesso modo: #PARTECIPARE. Le nuove politiche di partecipazione e di relazione basate sui media digitali e i dati da queste derivabili aprono infatti scenari innovativi che spaziano dal volontariato alla partecipazione politica, con cittadini sempre più attori informati di quello che li circonda. Il rapporto tra Pubblica Amministrazione e cittadinanza sarà indagato attraverso esperienze di collaborazione basate su aspetti concreti, normative, visioni e progettualità: dalla privacy agli open data.

Fra gli appuntamenti da non perdere quello alle ore 11:00, appena dopo l’inaugurazione ufficiale presso il Museo regionale delle Scienze Naturali, con l’evento  Sharing e sostenibilità delle comunità creative.  introdotto da Juan Carlos De Martin (docente presso la Facoltà di Ingegneria dell’Informazione del Politecnico di Torino).

Philippe Aigrain per Sharing e sostenibilità delle comunità creative.

Un Lectio magistralis di Philippe Aigrain, (autore di “Sharing. Culture and the Economy in the Internet Age”, edito dalla Amsterdam University Press) in cui si presenterà il ruolo della “condivisione” di opere creative nell’era digitale tra individui singoli e espressioni pubbliche. In particolare si parlerà delle sfide della società culturale “molti vs tutti”, con un numero sempre più ampio di contributori e di opere. Un’occasione per discutere  il ruolo dei social media nei vari schemi che contribuiscono alla sostenibilità delle attività creative, ponendo l’accento sui rischi derivanti dalla centralizzazione della proprietà.

Conoscere invece a fondo la filosofia di Path, nuova piattaforma di condivisione  lanciata a San Francisco (tra i founder l’ex-ragazzo Napster Shawn Fanning) è l’obbiettivo dell’evento Non più social ma personal network.  Un incontro con Maurizio Ferraris (docente di Filosofia teoretica presso l’Università degli Studi di Torino) e Paolo Valdemarin (Esperto di media digitali e innovazione tecnologica) che prendendo spunto dalla filosofia di Path (che offre ai suoi utenti la possibilità di condividere contenuti con cerchie decisamente ristrette di amici) si ricollega alle teorie dell’antropologo Robin Dunbar: un limite cognitivo di natura teorica fisserebbe infatti a 150 la cifra complessiva massima di persone con cui è possibile instaurare relazioni sociali stabili. E se il cosiddetto numero di Dunbar resta valido anche online?

Luca De Biase, modera La Cookie Law

Guido Scorza (Avvocato e docente presso il Master di diritto delle nuove tecnologie della facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bologna) e Carlo Blengino (avvocato penalista sul diritto delle nuove tecnologie, fellow del NEXA Center for Internet & Society del Politecnico di Torino e giornalista de il Post) cercheranno invece di far conoscere più da vicino La Cookie Law,  cioè quella direttiva UE introdotta sull’onda  di una crescente preoccupazione sull’uso dei  cookie nel marketing online. L’incontro si terrà alle ore 12:30 presso il Museo Regionale di Scienze Naturali e sarà moderato da Luca De Biase, (giornalista, scrittore, blogger e direttore su Nòva per Il Sole 24 Ore).

Sarà invece la partecipazione legata alla creatività il tema al centro di Cris-Itivity: Editoria indipendente e comunicazione sociale rendono la crisi creativa . In particolare si parlerà di come la comunicazione sociale, come processo comunicativo con finalità collettive, e l’editoria indipendente, possono diventare strumenti privilegiati per trasformare la crisi in opportunità. Un dibattito a cui parteciperanno Cristian Campagnaro (Researcher at Politecnico di Torino, Owner at Civico13), Fabio Guida (PLUG Association President, Co-Founder MG2 / Quattrolinee), Francesca Oddenino (Co-Founder MagIsIN project)  e Luca Ballarin (Director & Publisher at ITALIC, Founding Partner Bellissimo).

Ma #partecipare attraverso i social media significa anche cogliere l’opportunità per la pubblica amministrazione di coinvolgere i cittadini nei grandi cambiamenti del nostro tempo.

Pippo Civati per Smart City e Smart Conversation: il valore dei social network e della conversazione online. Trasparenza, obbligo o necessità?

Uno di questi è la sfida della Smart City, cioè l’obbiettivo per una metropoli di diventare città moderna, intelligente e rispettosa dell’ambiente all’interno del rapporto con i cittadini e con le organizzazioni che in essa vivono e operano. La tavola rotonda Smart City e Smart Conversation: il valore dei social network e della conversazione online. Trasparenza, obbligo o necessità? analizzerà le buone pratiche a livello italiano e internazionale e presenterà idee e opinioni sulla comunicazione “smart” del futuro, che vede in modo assoluto il cittadino come un protagonista attivo e coinvolto in tutti i processi di cambiamento del luogo in cui vive. Intorno al tavolo Pippo Civati, Consigliere Regionale Regione Lombardia;  Gianluigi Cogo, ICT e Comunicazione Regione Veneto; Michele Coppola, Assessore Alla Cultura Regione Piemonte; Gianni Dominici, General Manager Forum PA; Enzo Lavolta, Assessore Ambiente, Politiche per l’innovazione e lo sviluppo, Lavori pubblici, Verde e igiene urbana per la Città di Torino; Roberto Moriondo, Direttore Ricerca, Innovazione e Università della Regione Piemonte.

#Partecipare non si esaurisce qui: la prima giornata offrirà anche la presentazione di nuove applicazioni come iSentiment, la conoscenza di nuove figure della rete quali le SocialMom e anche la messa in guardia dai lati oscuri della rete, quando la partecipazione al consenso rischia di diventare manipolazione del consenso. Senza dimenticarsi il primo appuntamento con L’aperitivo Geek, che accompagnerà la Social Media Week torinese ogni giorno alle ore 19 presso il Blah Blah.

Per il programma completo della prima giornata: bit.ly/smw_torino

Related Articles
Comments
SMW on Facebook
  • Twitter Feed